Sito in costruzione, il sito ufficiale è raggiungibile all'indirizzo: http://www.comune.scandicci.fi.it/pre/index.html

 

Alternanza Scuola-Lavoro - ASL

Il nuovo sistema di Alternanza Scuola Lavoro è stato introdotto con la Legge 107/2015 (La Buona Scuola) per incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti.
Si tratta di un’esperienza formativa innovativa che si ispira al modello duale tedesco e ha l’obiettivo di unire il sapere teorico a quello pratico, orientando le aspirazioni degli studenti e aprendo la didattica al mondo esterno.
Con DG n.95 del 07/06/2016 il Comune di Scandicci ha recepito la normativa ed in virtù della propria competenza di governance territoriale in materia di educazione, formazione e istruzione, si è dotato di una nuova procedura per la gestione delle attività di Alternanza Scuola Lavoro attraverso gli uffici del Centro Risorse Educative e Didattiche.
Si applica negli ultimi tre anni del percorso di studi, per una durata complessiva nel triennio di 90 ore nei Licei, 150 nei Tecnici e 210 nei Professionali (dopo la riduzione del monte orario introdotta dell'attuale Ministro Bonisoli, in vigore dal 2019).

Il Comune si fa quindi promotore di percorsi di tirocinio presso i propri uffici, nei vari dipartimenti e articolazioni, e anche in progetti culturali e formativi specifici, in collaborazione con aziende o associazioni presenti sul territorio. Nel primo anno di attivazione (2016) sono state stipulate 18 convenzioni con gli istituti superiori del territorio per un totale di 300 studenti.
Dopo questo primo impulso iniziale, che ha visto una continua crescita di richieste, adesso le attività si sono stabilizzate e sono state sottoscritte “convenzioni quadro” con gli Istituti Superiori “B.Russell-I.Newton”, “Sassetti-Peruzzi” e l'alberghiero “Bernardo Buontalenti” per attivare percorsi in alternanza nei vari settori di attività, Biblioteca, servizi educativi, ufficio anagrafe, informatica.
Le ricadute di queste esperienze sono state positive per tutte le parti coinvolte (gli studenti, gli uffici ospitanti e le scuole) anche se, naturalmente, l'efficacia dell'impatto sulla didattica per competenze e su un'auspicabile occupabilità dei giovani post diploma andrà valutata nel tempo.